Semprefarmacia.it - La tua farmacia sempre con te

Vitamina D: che cos', a cosa serve, come assumerla

I video-consigli di Semprefarmacia
Tutto quello che c' da sapere su un argomento di cui sentiamo spesso parlare negli ultimi tempi

 
GUARDA IL VIDEO

Negli ultimi tempi si sente spesso parlare di Vitamina D, della sua importanza e dei rischi provocati da un’eventuale carenza nell’organismo. Perché è così importante questa vitamina? Quali sono le sue funzioni? Ci troviamo di fronte ad una sorta di elisir di lunga vita? Proviamo a dare risposta a queste e altre domande.

Che cos’è la Vitamina D

Quando si parla di Vitamina D si fa riferimento ad un insieme di pro-ormoni liposolubili, costituito da 5 vitamine: D1, D2, D3, D4, D5. Le due forme più importanti di Vitamina D solo la D2 (ergocalciferolo, assunto dal cibo, di provenienza vegetale) e la D3 (colecalciferolo, sintetizzato dal nostro organismo e derivante dal colesterolo). Accumulata nel fegato, la Vitamina D viene rilasciata a piccole dosi quando il corpo ne ha bisogno.

Vitamina D: a cosa serve

La funzione primaria riconosciuta alla Vitamina D è il contributo allo sviluppo e benessere delle ossa. Questa vitamina agisce favorendo il metabolismo di calcio e fosforo e il loro fissaggio nella struttura ossea. Tale processo è fondamentale sia nella fase di sviluppo scheletrico (aiutando a prevenire il rachitismo nei bambini), sia nel garantire una buona salute ossea col passare degli anni, contrastando ad esempio l’osteoporosi.

Non solo salute ossea

A questa funzione primaria, importantissima, la Vitamina D ne affianca altre. In forma attiva, infatti, questa agisce come un ormone che regola vari organi e sistemi. Non a caso, una carenza di Vitamina D è stata associata a diverse patologie, quali sclerosi multipla, diabete, infarto, asma e finanche morbo di Alzheimer.

Un alleato contro il cancro?

Secondo alcuni studi e ricerche, un giusto livello di Vitamina D nell’organismo può aiutare anche a prevenire o rallentare lo sviluppo di tumori. Lo studio europeo EPIC ha evidenziato che le persone con livelli più alti di Vitamina D nel sangue, presentano un rischio di tumore al colon inferiore di circa il 40% rispetto a chi invece ha livelli di Vitamina D più bassi. Altri studi, però, sostengono che l’assunzione supplementare di Vitamina D non conferisca particolari benefici in ottica prevenzione tumori. Da ciò, si potrebbe desumere che un livello maggiore di Vitamina D nel sangue non sia il diretto responsabile di una riduzione dei rischi di ammalarsi di cancro. Semplicemente, questa potrebbe essere l’indice di uno stile di vita più sano a cui si può attribuire il merito di proteggere l’organismo dal tumore.

Qual è il fabbisogno di Vitamina D?

Non esistono dei parametri precisi che stabiliscono il livello giusto di Vitamina D da avere nel proprio organismo. Tuttavia, si possono individuare dei valori di riferimento, un range entro il quale sarebbe bene mantenersi. Scopriamoli insieme.

- meno di 10 ng/ml (nanogrammi per millilitro): carenza;
- tra i 10 e i 30 ng/ml: insufficienza;
- tra i 30 e i 60 ng/ml: livello ideale;
- tra i 30 e 100 ng/ml: sufficienza;
- oltre i 100 ng/ml: tossicità.

Vitamina D: come ottenerla

Esistono sostanzialmente due modi per accrescere il livello di Vitamina D nel corpo: attraverso l’alimentazione o, il metodo più efficace, l’esposizione solare.

Più sole, più Vitamina D

Un’adeguata esposizione al sole favorisce in maniera evidente la sintetizzazione di Vitamina D. Questa, infatti, avviene prevalentemente a livello cutaneo. I raggi del sole trasformano un grasso simile al colesterolo in Vitamina D, la quale viene poi trasferita nel sangue. È dunque di fondamentale importanza garantirsi cosiddetti bagni di sole, per accrescere il livello di Vitamina D nell’organismo. È bene ricordare, comunque, di esporsi al sole in maniera corretta e sicura (leggi qui).

I cibi che contengono Vitamina D

Non sono moltissimi gli alimenti che contengono Vitamina D. Tuttavia, inserirli nella propria dieta può essere utile. Tra questi, troviamo: pesci grassi, oli di pesce, latte e derivati, uova, fegato e verdure verdi.

Un aiuto in più: gli integratori di Vitamina D

Quando è necessario, è possibile assumere Vitamina D attraverso appositi integratori alimentari. Vediamone alcuni:
- Dicofarm Dicovit integratore Vitamina D3 D5
- Metagenics Vitamina D compresse masticabili
- Bioprojet spray integratore alimentare Vitamina D
- Nestlè Meritene Vita D+ spray gusto menta
- Vita Act calcio + vitamina D compresse

Attenzione a non eccedere

Come visto, esiste anche un livello di tossicità di Vitamina D. Per tale motivo, è bene non lasciarsi prendere la mano ed esagerare con l’assunzione supplementare, che può causare un’ipervitaminosi. Tra i sintomi dell’ipervitaminosi da Vitamina D ci sono nausea, diarrea e poliuria. Le conseguenze potrebbero rivelarsi anche gravi, portando ad un indebolimento dello scheletro o danneggiamento di organi come cuore e reni.