Acari della polvere dove si nascondono e come eliminarli | Semprefarmacia.it
Spedizione gratuita oltre i 29,9 € SPEDIZIONI IN 24/48 ORE GRATIS OLTRE I 29,9 €
SEMPREFARMACIA.IT: RAPIDI, CONVENIENTI, SEMPLICI
Carrello carrello
0
wishlist
Wishlist
login
Login

Acari della polvere: dove si nascondono e come eliminarli

I consigli di Semprefarmacia.it
Qual Ť líhabitat ideale, come eliminare gli acari della polvere e come capire se si Ť allergici: scopriamo tutto in questo articolo

 

semprefarmacia.it

Indice

Cosa sono gli acari
Acaro della polvere
Come e dove si riproducono gli acari della polvere
Allergia acari: sintomi
Allergia agli acari: diagnosi e terapia
Come eliminare gli acari della polvere
Leggi anche: articoli correlati

semprefarmacia.it

L’acaro della polvere appartiene al genere Dermatophagoides. Come si evince dal suo nome, questi piccoli esseri microscopici si nutrono principalmente di piccole scaglie di pelle umana. Inoltre, si nutrono di resti di cibo o insetti eventualmente presenti nella polvere domestica. Prima di vedere come si riproducono ed in che modo eliminarli, facciamo un ripasso sulle varie tipologie di acari.

Per favore accetta i cookie di Marketing per guardare questo video.

Cosa sono gli acari

Gli acari sono dei piccoli esseri viventi, che possono avere dimensioni microscopiche (come gli acari della polvere) ma anche essere visibili ad occhio nudo (come nel caso delle zecche). Sia gli acari della polvere che le zecche appartengono alla classe degli aracnidi, non sono quindi insetti ma sono molto più simili ai ragni. 

Esistono diverse specie di acari. Alcuni, quando entrano in contatto con l’uomo, possono provocare malattie come la scabbia (il sarcoptes scabiei, appunto l’acaro della scabbia). Altri, invece, possono fungere da vettori di microrganismi. È il caso, ad esempio, dell’acaro che veicola il bacillo della lebbra.

La tipologia sicuramente più conosciuta e onnipresente, però, è quella dell’acaro della polvere, con il quale condividiamo letto e divano. Questa tipologia di acaro è frequentemente causa di allergie, specie nei soggetti più sensibili.

Acaro della polvere

acari del letto

Come si può vedere dalla foto, l’acaro della polvere è molto simile ad una zecca ma con dimensioni molto più ridotte. Gli acari della polvere hanno un corpo arrotondato e dispongono di 8 zampe. Una curiosità: non hanno il naso e respirano attraverso la cute.

Come e dove si riproducono gli acari della polvere

L’habitat ideale degli acari della polvere è costituito da un ambiente che presenta caratteristiche ben definite:

  • temperatura compresa tra i 20-25° C;
  • tasso di umidità superiore al 60%;
  • assenza di luce.

Da questo, si può intuire come materassi e divani costituiscono il luogo perfetto per l’insediamento e la riproduzione. Tali condizioni diventano ancor più favorevoli quando in casa non è presente un ricircolo d’aria sufficiente o, peggio ancora, sono attivi impianti di riscaldamento. Per tali ragioni, l’inverno costituisce il periodo di maggiore rischio per un’infestazione da acari della polvere (o acari del materasso).

Una femmina di acaro, nell’arco della sua esistenza, riesce a produrre fino a 100 uova dalle quali nasceranno nuovi acari. Gli acari vivi, le loro carcasse e le feci, si accumulano in materassi, cuscini, moquette, tendaggi e tappeti.

Per comprendere la quantità di acari che si accumulano nel tempo, basti pensare che il peso di un cuscino utilizzato per 2 anni potrebbe essere costituito al 10% da acari.

Allergia acari: sintomi

allergia acari del materasso

Tralasciando il fastidio di dover condividere il letto con milioni di acari, la loro presenza può causare diversi disturbi o la comparsa di una vera e propria reazione allergica. Quando si risulta particolarmente sensibili o soggetti ad allergia agli acari della polvere, è facile che si presentino disturbi come:

  • rinite allergica;
  • asma;
  • più raramente, eczema e prurito.

Rinite allergica
Il principale problema è legato alle vie respiratorie e alla comparsa di rinite allergica. Questa si manifesta con naso chiuso e che cola, starnuti, tosse, occhi rossi e gonfi, lacrimazione e prurito sia agli occhi che a bocca e gola.

Asma
L’asma è caratterizzata da difficoltà a respirare e respiro sibilante. Queste difficoltà possono anche rendere impossibile il sonno.

Problemi cutanei
Il disturbo può riguardare anche la pelle, con la comparsa di una dermatite da acaro che si manifesta con un prurito diffuso a tutto il corpo e la comparsa di arrossamenti ed eczemi.

Allergia agli acari: diagnosi e terapia

In presenza di sintomi sopra descritti, è importante rivolgersi al medico per verificare la possibile presenza di un’allergia agli acari della polvere. Per farlo, lo specialista può avvalersi di due differenti strumenti.

Prick Test

Il Prick Test costituisce l’esame diagnostico più affidabile. Una soluzione contenente l’allergene, ovvero la sostanza responsabile dell’allergia, viene applicata sulla pelle prima di effettuare una puntura con un piccolo ago. Nel caso dell’allergia agli acari del letto, l’allergene è una proteina presente nelle loro feci.

Dopo circa 20 minuti si valuta la reazione. In caso di comparsa di rossore e gonfiore, si ha la conferma di essere allergici agli acari.

Immunoglobuline nel sangue

Questo test è meno affidabile e viene usato solo se non si può eseguire il Prick test. Tale esame consiste nel misurare le IgE prodotte, dopo aver prelevato il sangue e averlo esposto all’allergene.

Terapia farmacologica

Una volta diagnosticata l’allergia, il medico potrà prescrivere farmaci per diminuire i sintomi (come antistaminici e cortisonici) oppure iniziare una terapia desensibilizzante. La cosa più importante però è intervenire sulla gestione dell’ambiente in cui si vive, in modo da ridurre sensibilmente l’esposizione agli acari.

Come eliminare gli acari della polvere

Prendersi cura dell’ambiente domestico costituisce sicuramente il deterrente principali nella proliferazione degli acari della polvere. È ovvio che non è possibile eliminare completamente gli acari. Tuttavia, se ne può ridurre drasticamente il numero e le spiacevoli conseguenze che abbiamo appena visto. Ma quali sono le contromisure da adottare?

Temperature e umidità della casa

Mantenere una temperatura interna non superiore a 20-22° C e un tasso d’umidità inferiore al 50%

 

Fa areare gli ambienti domestici. Aiutarsi anche con l’utilizzo di deumidificatori, effettuando una corretta manutenzione dei filtri

 

Evitare di stendere i panni in casa, per non aumentare il tasso di umidità negli ambienti domestici

 

Utilizzare con parsimonia gli impianti di riscaldamento, evitando di portare ad alte temperature gli ambienti

 

Pulizia degli ambienti

Lavare con frequenza tutti i tessuti (lenzuola, coperte, tendaggi, tappeti)

 

Igienizzare materassi e divani con spray specifici per eliminare gli acari

 

Utilizzare aspirapolveri con filtro HEPA, per catturare le particelle più piccole

 

Scegliere cuscini lavabili, che possono essere lavati in lavatrice

 

Utilizzare apposite federe anti acari, sia per i cuscini che per il materasso

 

Preferire coperte sintetiche facilmente lavabili, rispetto a quelle di lana

 

Scoprire il letto e mantenere aperte le finestre per favorire il ricircolo dell'aria

 

Lasciare le finestre aperte per 30 minuti dopo aver finito le pulizie

 

Tenere i peluche lontano dal letto e lavarli almeno ogni 2 settimane

 

Leggi anche: articoli correlati

Pidocchi capelli e lendini: rimedi e trattamenti per eliminarli

Rimedi raffreddore: i consigli per prevenirlo