Olio EVO e olio d�oliva: differenze e valori nutrizionali | Semprefarmacia.it
Spedizione gratuita oltre i 29,9 € SPEDIZIONI IN 24/48 ORE GRATIS OLTRE I 29,9 €
SEMPREFARMACIA.IT: RAPIDI, CONVENIENTI, SEMPLICI
12%
di sconto extra su qualsiasi
prodotto se acquisti prima di:
gg
ore
min
sec
Carrello carrello
0
wishlist
Wishlist
login
Login

Olio EVO e olio d’oliva: differenze e valori nutrizionali

I consigli di Semprefarmacia.it
Attenzione all’etichetta: sai qual è la dicitura più importante da ricercare quando acquisti l’olio d’oliva?

 

semprefarmacia.it

Indice

Proprietà e benefici dell'olio d'oliva
Come riconoscere i diversi tipi di olio
Leggi bene l'etichetta
Leggi anche: articoli correlati

semprefarmacia.it

L’olio di oliva è un grasso (o lipide) ottenuto dalla spremitura delle olive. La sua composizione è data da:

  • acido oleico, che rappresenta la componente principale;
  • acido linoleico;
  • acido alfa-linoleico;
  • polifenoli;
  • vitamina E.

Proprietà e benefici dell’olio d’oliva

L’elevato contenuto di grassi monoinsaturi (acido oleico) rende l’olio di oliva utile nella prevenzione dei disturbi cardiovascolari. In particolare, esso interviene nella riduzione dei livelli di LDL (colesterolo cattivo) senza modificare la concentrazione di HDL (colesterolo buono). Proprio per questo motivo, l’olio (in particolare EVO) è considerato la principale fonte di grassi nella Dieta Mediterranea.

olio d'oliva

L’olio di oliva è anche ricco di polifenoli (responsabili del gusto leggermente amaro e piccante) e vitamina E. Questi importanti antiossidanti contribuiscono a proteggere le membrane cellulari dall’ossidazione e aiutano a prevenire e combattere l’invecchiamento cutaneo, contrastando la formazione dei radicali liberi.

Il consiglio è di consumare l’olio a crudo, come condimento. Tuttavia, dato il suo elevato punto di fumo (195°C), può essere utilizzato anche per cucinare ed effettuare fritture.

Attenzione agli eccessi

Con circa 900 Kcal per 100g di prodotto, l’olio di oliva rappresenta un alimento molto calorico. Proprio per tale ragione, la dose giornaliera consigliati è di 3 cucchiai (ogni cucchiaio è circa 10 ml). Un consumo eccessivo, infatti, potrebbe vanificare le proprietà benefiche intrinseche del prodotto. Un’assunzione smisurata, ad esempio, può comportare un innalzamento dei livelli di colesterolo.

In virtù del suo valore energetico, l’olio va assunto con cautela a maggior ragione in pazienti obesi e in sovrappeso. Il consiglio, in questo caso, è sì di utilizzare l’olio nel proprio regime alimentare, senza però superare il quantitativo giornaliero consigliato da un professionista (medico o nutrizionista).

Come riconoscere i diversi tipi di olio

In commercio esistono diversi tipi di olio di oliva, ciascuno con differenti proprietà. La classificazione si basa sull’acidità, cioè sulla percentuale di acidi grassi liberi che si separano dalla molecola di olio andando a comprometterne l’integrità.

Olio EVO (extravergine d’oliva)

Il più conosciuto ed anche il più pregiato è l’olio EVO (extravergine di oliva). Questo tipo di olio deve avere un’acidità inferiore allo 0,8% e deve essere privo di difetti organolettici. Per essere classificato come extravergine, inoltre, deve rispondere agli standard definiti dalla normativa europea (Regolamento CEE n. 2568/91 e successivi aggiornamenti).

L’olio extravergine di oliva è di categoria superiore perché viene ottenuto direttamente dalle olive, mediante procedimenti meccanici. Questo tipo di olio, a differenza di altri, non è sottoposto a processi di raffinazione.

Olio vergine d’oliva

Un buon prodotto è rappresentato anche dall’olio vergine di oliva. Per questa tipologia, per la quale è tollerato qualche difetto organolettico, l’acidità deve essere compresa tra lo 0,8% e il 2%.

Un olio che supera il 2% di acidità, invece, è classificato come olio di oliva vergine lampante. Questo tipo di olio è sottoposto ad un processo di raffinazione per correggerne gusto e acidità.

Olio di oliva e di sansa

L’olio di oliva è ottenuto da una miscela di olio di oliva raffinato e olio di oliva vergine. Esso ha un’acidità inferiore all’2%. L’olio di sansa, infine, presenta un’acidità non superiore all’1%. Questo tipo di olio è ottenuto dal residuo del processo di lavorazione delle olive, definito appunto sansa.

Leggi bene l’etichetta

È sempre importante leggere l’etichetta prima di scegliere l’olio d’oliva, facendo attenzione alla provenienza e al processo con cui è stato ottenuto. Il consiglio, poi, è di verificare che sull’etichetta sia riportata la dicitura “Estratto a freddo”. Questo processo di estrazione, infatti, permette di non alterare le proprietà benefiche dell’olio di oliva.

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Semprefarmacia.it (@semprefarmacia.it)

Leggi anche: articoli correlati

Colesterolo buono e colesterolo cattivo: le cose da sapere

Frutta secca: benefici, quantità e controindicazioni