Disbiosi intestinale: sintomi, cause e cure | Semprefarmacia.it
Spedizione gratuita oltre i 29,9 € SPEDIZIONI IN 24/48 ORE GRATIS OLTRE I 29,9 €
SEMPREFARMACIA.IT: RAPIDI, CONVENIENTI, SEMPLICI
15%
di sconto extra su qualsiasi
prodotto se acquisti prima di:
gg
ore
min
sec
Carrello carrello
0
wishlist
Wishlist
login
Login

Disbiosi intestinale: sintomi, cause e cure

I consigli di Semprefarmacia.it
La disbiosi intestinale è un’alterazione della flora batterica che può essere però curata con farmaci e integratori

 

semprefarmacia.it

Indice

Cos’è la disbiosi intestinale
Disbiosi intestinale: cause
Disbiosi intestinale: sintomi
Disbiosi intestinale: test e diagnosi
Disbiosi intestinale: cura
Leggi anche: articoli correlati

semprefarmacia.it

Cos’è la disbiosi intestinale

La disbiosi intestinale è un’alterazione della flora batteria del nostro intestino. Questa alterazione può provocare sintomi non solo a livello intestinale, arrivando a compromettere le difese immunitarie o comportando addirittura sintomi neurologici.

Per favore accetta i cookie di Marketing per guardare questo video.

Flora batterica

Il nostro intestino, in particolare il colon, è abitato da miliardi di microrganismi. Per la maggior parte si tratta di batteri, ma sono presenti anche virus e funghi.

Nel loro insieme, tutti questi organismi costituiscono quella che prima veniva chiamata flora batterica intestinale. Attualmente questo termine è stato sostituito dalla parola microbiota. La parola microbioma, invece, indica la mappa genetica di tutti i microrganismi presenti nell’intestino.

Ma quanti microrganismi sono presenti nel nostro corpo? Solo per avere un’idea, basti pensare che il numero di geni che costituiscono il microbioma è superiore di almeno 100 volte al genoma umano.

Composizione del microbiota

Il microbiota, e di conseguenza il microbioma, sono caratteristiche peculiari di ogni individuo. La loro composizione dipende da diversi fattori, tra cui:

  • la genetica;
  • il tipo di parto con cui si nasce (vaginale o cesareo);
  • l’essere stati o meno allattati al seno;
  • i l luogo in cui si vive;
  • lo stile di vita;
  • l’alimentazione.

La variabilità anche tra individui perfettamente sani è così elevata che non c’è una mappa precisa del microbiota ideale. Esistono però dei parametri di massima che permettono di capire se c’è un’alterazione del microbiota:

  • numero totale dei microrganismi;
  • diversità delle specie presenti;
  • rapporto tra specie “buone” e “cattive”.

Quando si parla di disbiosi intestinale

In condizioni di equilibrio del microbiota, si parla di eubiosi. Quando inveceil microbiota si altera, per svariati motivi, dall’eubiosi si passa alla disbiosi. La disbiosi può essere pericolosa se si protrae nel tempo. Se invece il microbiota viene rapidamente ripristinato, non si ha alcun problema.

Esistono diversi tipi di disbiosi. Ad esempio, una dieta povera di fibre e ricca di zuccheri può provocare disbiosi fermentativa. Un’alimentazione povera di fibre e ricca di carne e grassi, invece, può provocare disbiosi putrefattiva.

Disbiosi intestinale: cause

Le cause della disbiosi possono essere diverse. Tra quelle che riguardano stile di vita e alimentazione, le più comuni sono:

sedentarietà

abitudine al fumo, abuso di alcolici e superalcolici

dieta povera di fibre e ricca di zuccheri raffinati

consumo di grassi e carni trasformate

Anche diverse patologie possono alterare il microbiota, basti pensare alle comuni infezioni che riguardano il sistema gastrointestinale.

Molto importante anche l’impatto di alcuni farmaci. Tra i più conosciuti per l’effetto sulla flora intestinale ci sono sicuramente gli antibiotici. Il loro effetto può infatti abbattersi anche sui batteri buoni, causando uno squilibrio.

Anche altri farmaci hanno questo effetto, soprattutto se utilizzati per terapie croniche. Un esempio sono i farmaci inibitori di pompa protonica, comunemente chiamati protezione per lo stomaco.

Disbiosi intestinale: sintomi

I sintomi più comuni della disbiosi intestinale sono:

  • diarrea o stipsi;
  • gonfiore e dolore addominale;
  • meteorismo;
  • colite;
  • alterazione dell’assorbimento di nutrienti.

È possibile però che si manifestino anche sintomi extra intestinali. Soprattutto nelle donne, a causa della conformazione anatomica, è frequente che la disbiosi comporti una maggiore predisposizione ad infezioni delle vie urinarie e genitali, come la cistite o la candida.

L’equilibrio del microbiota intestinale è strettamente correlato anche con la salute del fegato, del sistema immunitario, del sistema nervoso e della cute. Diversi studi correlano ad esempio la disbiosi intestinale a disturbi dell’umore e del sonno, in base alla stretta connessione che c’è tra intestino e cervello.

Disbiosi intestinale: test e diagnosi

Generalmente, la diagnosi di tale patologia avviene attraverso l’individuazione dei sintomi tipici a cui fa seguito l’inizio della terapia. In caso di sintomi persistenti e resistenti alle cure, però, si può procedere con test specifici.

Il test diagnostico più semplice è la coprocoltura, cioè l’analisi delle feci con la ricerca dei principali patogeni. L’esame più avanzato (e più costoso) è invece lo studio del microbioma.

Disbiosi intestinale: cura

Come curare la disbiosi intestinale? Le cure possono essere varie, in funzione della tipologia e della gravità.

Farmaci e integratori

Quando dalla coprocoltura si evince la presenza di patogeni, il medico può prescrivere degli antibiotici che agiscono prevalentemente a livello intestinale. Uno degli antibiotici più utilizzati è la rifaximina.

Nei casi di disbiosi meno grave, invece, può essere sufficiente l’assunzione di integratori di probiotici (microrganismi benefici che colonizzano l’intestino) e prebiotici (fibre che nutrono i microrganismi benefici).

I principali microrganismi impiegati a tal scopo sono Lattobacilli e Bifidobatteri. Le fibre prebiotiche più comuni invece sono FOS e GOS. Tra le molecole più utilizzate ricordiamo ad esempio l’inulina.

I migliori integratori per la flora intestinale



Yovis Stick Fermenti per l'Equilibrio Flora Intestinale, 10 Bustine


Massigen Probiotici Tripla Azione Integratore di Fermenti Lattici, 12 Stickpack


SOFAR Enterolactis Plus Integratore Alimentare Fermenti Lattici Vivi, 14 Bustine


Prolife 10 Forte Integratore di Fermenti Lattici e Vitamine, 12 Flaconcini x 8ml


Scopri tutti gli altri integratori

Questi integratori possono essere assunti anche in via preventiva, nei casi in cui si rischia una disbiosi. Ad esempio, è consigliato associare alle terapie antibiotiche l’assunzione di fermenti lattici. Se l’integratore scelto non è resistente agli antibiotici stessi, se ne raccomanda l’assunzione lontano dall’antibiotico e anche dopo il termine della terapia antibiotica.

In chi assume la protezione per lo stomaco, ma anche in chi ha frequenti episodi di cistite e candida, si consiglia l’assunzione periodica di questi integratori. Molto utili anche in chi sta per affrontare un viaggio in un paese tropicale, senza però trascurare tutte le regole base per evitare la diarrea del viaggiatore.

Dieta per disbiosi intestinale

Curare l’alimentazione è, come sempre, fondamentale. Per la buona salute dell’intestino, è sufficiente rispettare quelle che sono le classiche sane abitudini alimentari. Bisogna quindi favorire carboidrati complessi da verdure, frutta e cerali e consumare con moderazione carni e dolci.

Assolutamente favorevoli per la salute del microbiota sono gli alimenti fermentati, come il kefir e lo yogurt, consumati anche quotidianamente. Attenzione però: consumare lo yogurt non è sufficiente in quei casi in cui il microbiota è messo sotto stress, come durante una terapia antibiotica. In quei casi, dunque, meglio optare per un integratore che fornirà ceppi selezionati e in grande quantità.

 

Leggi anche:

Sindrome del colon irritabile: cause, sintomi e cure

Diverticoli: cosa sono e quali sono le cure