Colesterolo: frutta da evitare o da mangiare? | Semprefarmacia.it
Spedizione gratuita oltre i 29,9 € SPEDIZIONI IN 24/48 ORE GRATIS OLTRE I 29,9 €
SEMPREFARMACIA.IT: RAPIDI, CONVENIENTI, SEMPLICI
15%
di sconto extra su qualsiasi
prodotto se acquisti prima di:
gg
ore
min
sec
Carrello carrello
0
wishlist
Wishlist
login
Login

Colesterolo: frutta da evitare o da mangiare?

I consigli di Semprefarmacia.it
L’alimentazione č importante quando si soffre di colesterolo alto: vediamo quali cibi mangiare e quali consumare con moderazione

 

semprefarmacia.it

Indice

Cos’è il colesterolo
Colesterolo: valori normali
Colesterolo e alimentazione
Colesterolo alto: cosa mangiare
Colesterolo alto: quali cibi limitare
Colesterolo e frutta secca e fresca: le regole da seguire
Colesterolo: frutta da evitare o consumare moderatamente
Frutta secca e colesterolo
Leggi anche: articoli correlati

semprefarmacia.it

Cos’è il colesterolo

Il colesterolo è una molecola lipidica, presente nel sangue, in gran parte prodotto dall’organismo: in questo caso si parla di colesterolo endogeno. Una piccola parte, invece, viene introdotta con l’alimentazione: si parla di colesterolo esogeno.

Il colesterolo svolge un ruolo importantissimo perché è coinvolto in diversi processi alla base del funzionamento dell’organismo. Esso, infatti, costituisce:

  • una componente fondamentale delle membrane cellulari;
  • il precursore della vitamina D, dei sali biliari e degli ormoni steroidei.

Se presente in quantità eccessive, però, il colesterolo costituisce un fattore di rischio per la nostra salute e favorisce lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Quando è in eccesso, infatti, il colesterolo tende a depositarsi sulle pareti delle arterie.

Ciò porta alla formazione di placche aterosclerotiche, che ostacolano o bloccano del tutto il flusso sanguigno. Da questo ne consegue un aumento dei rischi a carico del sistema cardiovascolare. Per prevenire tali rischi, è necessario mantenere costante il livello di colesterolo nel sangue.

Colesterolo: valori normali

I valori di colesterolo considerati normali sono i seguenti:

  • colesterolo totale fino a 200 mg/dl;
  • colesterolo LDL fino a 100 mg/dl;
  • colesterolo HDL non inferiore a 50 mg/dl.

Interpretazione dei valori

Se il colesterolo totale risulta nella norma oppure leggermente più alto rispetto ai valori di riferimento, si devono sempre analizzare anche LDL (colesterolo cattivo) e HDL (colesterolo buono).

Può succedere infatti che la percentuale di HDL sia inferiore rispetto a quella di LDL (tenendo conto dei valori di riferimento) e in questo caso aumenta il rischio cardiovascolare. Oltre i singoli valori, quindi, è importante conoscere il rapporto LDL/HDL che deve essere inferiore a 3.

Ipercolesterolemia e prevenzione

colesterolo alto.jpg

Quando i valori di colesterolo sono invece molto alti, si parla di ipercolesterolemia. Livelli elevati di colesterolo totale, purtroppo, non presentano sintomi evidenti. Per tale ragione, in molti casi la patologia è silente e chi ne soffre non ne è consapevole.

In virtù di ciò, il consiglio è di effettuare periodicamente analisi del sangue. L’esame ematico è ancora più importante se:

  • non si segue un regime alimentare corretto;
  • non si svolge attività fisica;
  • si è condizioni di sovrappeso o obesità;
  • si soffre di diabete;
  • ci sono in famiglia casi di ipercolesterolemia.

C’è da sottolineare, inoltre, che anche il fumo contribuisce a danneggiare i vasi sanguigni e ad accelerare il processo di indurimento delle arterie.

Colesterolo e alimentazione

Per contrastare l’ipercolesterolemia è importante adottare uno stile di vita sano, in particolare è consigliato praticare attività fisica e seguire un’alimentazione bilanciata.

Quando si hanno i valori di colesterolo alto, è opportuno ridurre il consumo di grassi saturi e di alimenti che contengono carboidrati ad alto indice glicemico. L’elevata produzione di insulina dovuta all’eccesso di glucosio nel sangue, infatti, provoca un aumento dell’attività dell’HMG-CoA reduttasi (l’enzima che regola la sintesi del colesterolo). Consumare un eccesso di zuccheri, quindi, porta ad una maggiore produzione di colesterolo endogeno.

Il regime alimentare per eccellenza, che risulta efficace in caso di dislipidemia, è la Dieta Mediterranea. Questo tipo di alimentazione è in grado di incidere positivamente sui livelli di colesterolo nel sangue.

Colesterolo alto: cosa mangiare

colesterolo tabella cosa mangiare.jpg

Come detto, la Dieta Mediterranea costituisce un regime alimentare ideale in caso di colesterolo alto. Questo tipo di dieta è caratterizzata dal consumo quotidiano di:

  • frutta e verdura di stagione;
  • legumi;
  • cereali;
  • pesce;
  • carne;
  • uova;
  • formaggi;
  • olio di oliva.

Questi alimenti vanno combinati in maniera tale da ottenere ogni giorno un equilibrato apporto di carboidrati (55-60%), grassi (30%) e proteine (10-15%).

Colesterolo alto: quali cibi limitare

Gli alimenti da limitare, quando si soffre di ipercolesterolemia, sono:

  • grassi di origine animale come burro, lardo e strutto;
  • oli di origine vegetale saturi, come l’olio di palma;
  • insaccati e carni conservate;
  • formaggi ad elevato contenuto di grassi saturi;
  • alcolici;
  • zuccheri semplici.

Colesterolo e frutta secca e fresca: le regole da seguire

La frutta è essenziale in un’alimentazione sana, varia e bilanciata. Essa contiene vitamine, minerali, antiossidanti e fibre. Il quantitativo giornaliero è di 2-3 porzioni al giorno, che equivalgono a circa mezzo kg di frutta.

Va sottolineato che la frutta contiene zuccheri semplici (in particolare fruttosio) che, una volta introdotto con la dieta, viene trasformato dal fegato in glucosio. La concentrazione di glucosio nel sangue viene indicata con il termine glicemia. Se la glicemia aumenta, aumenta la produzione di insulina che agisce sulla produzione del colesterolo, aumentandolo di conseguenza.

Nonostante ciò, però, la frutta ha tantissime proprietà. Per evitare quindi di aumentare i livelli di colesterolo in chi soffre di ipercolesterolemia, è importante non eccedere con le dosi.

Colesterolo: frutta da evitare o consumare moderatamente

Quale frutta non mangiare con il colesterolo alto, dunque? Più che evitare, il consiglio è quello di consumare con moderazione quei frutti ad alto contenuto di zuccheri. Di seguito alcuni esempi.

colesterolo frutta da evitare

fichi, circa 12/14g per 100g di prodotto

colesterolo frutta da evitare

banana, circa 13g per 100g di prodotto

colesterolo frutta da evitare

uva, circa 15g (dipende da maturazione, clima e coltivazione) per 100g di prodotto

colesterolo frutta da evitare

cachi, circa 16/17g per 100g di prodotto

colesterolo frutta da evitare

datteri, circa 63g per 100g di prodotto

Per questi tipi di frutta, il consiglio è un consumo moderato in chi soffre di ipercolesterolemia.

Frutta secca e colesterolo

Per quanto riguarda la frutta secca o frutta oleosa, essa ha un basso contenuto di zuccheri e un elevato contenuto di grassi buoni. In quanto tali, questi non necessitano di essere eliminati se si soffre di colesterolo alto.

Se consumata regolarmente (20-30g al giorno), la frutta ecca oleosa migliora la sensibilità all’insulina e contribuisce ad abbassare il colesterolo LDL (in soggetti con pre-diabete). Inoltre, grazie al contenuto di fitosteroli, composti vegetali con struttura simile al colesterolo, ne favorisce la diminuzione.

Anche se si soffre di colesterolo alto, dunque, è possibile consumare la frutta secca. Il consiglio, come sempre, è di non eccedere in quanto si tratta di un alimento molto calorico.

 

Leggi anche:

Colesterolo buono e colesterolo cattivo: le cose da sapere

Frutta secca: benefici, quantità e controindicazioni