Spedizione gratuita oltre i 29,9 € SPEDIZIONI IN 24/48 ORE GRATIS OLTRE I 29,9 €
SEMPREFARMACIA.IT: RAPIDI, CONVENIENTI, SEMPLICI
Carrello carrello
0
wishlist
Wishlist
login
Login

Psoriasi: cos'è, quali sono le cause e le cure

I consigli di Semprefarmacia.it
La psoriasi colpisce circa 3 milioni di persone in Italia, senza una differenza sostanziale tra uomini e donne: scopriamo le varie forme di psoriasi e le cure possibili

 

I consigli della dottoressa Valentina

Cos’è la psoriasi 

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle, dovuta ad un’attività di crescita disordinata ed eccessiva dei cheratinociti (le cellule più numerose dell’epidermide). In presenza di psoriasi, il processo riproduttivo dei cheratinociti si velocizza in maniera anomala e si riduce da 28 a 3-5 giorni. Ciò comporta una crescita anomale dell’epidermide.

La problematica si manifesta così attraverso la comparsa sulla pelle di chiazze ispessite e arrossate (placche eritematose), dai bordi ben definiti e ricoperte da squame di colore biancastro o tendente al grigio-argenteo.

Questa malattia ha un andamento recidivante, caratterizzato da momenti di fase acuta (con una esacerbazione dei sintomi) e fasi di regressione (in cui i sintomi si alleviano e, nei casi meno gravi, tendono addirittura a scomparire).

Come vedremo in seguito, in base al diverso tipo di psoriasi, queste lesioni cutanee possono interessare tutte le parti del corpo. Tuttavia, le zone maggiormente interessate sono:

  • palmo delle mani;
  • gomiti;
  • ginocchia;
  • cuoio capelluto;
  • unghie;
  • schiena.

Circa il 30% delle persone affette da tale patologia, vedono insorgere la problematica prima dei 20 anni. Non è da escludere però la comparsa del problema in età adulta, anche dopo i 50 anni. In Italia la patologia interessa circa 3 milioni di persone, senza una distinzione significativa tra uomo e donna.

È bene sottolineare comunque che la psoriasi non è assolutamente contagiosa. Stare a contatto con una persona che ne è affetta, non espone in alcun modo ad un rischio di trasmissione della malattia.

Psoriasi: cause 

psoriasi cuoio capelluto

Le cause della psoriasi sono ancora in parte da scoprire. Alla base del problema però c’è una predisposizione genetica, a cui si abbina un’attività anomala del sistema immunitario. Questi, per errore, produce anticorpi che finiscono per attaccare la pelle e provocare le lesioni tipiche della malattia.

Questa è classificabile comunque come un problema multifattoriale, riconducibile a diversi fattori in grado di scatenare o acuire il problema in chi è già predisposto:

  • fattore genetico;
  • stress fisico ed emotivo;
  • alcuni farmaci;
  • altri fattori scatenanti o aggravanti.

Fattore genetico 

Il fattore genetico incide in maniera significativa sulla comparsa della psoriasi. Le ricerche hanno dimostrato che 1 individuo su 3 che ne è affetto, ha altri familiari con la stessa problematica. La comparsa della malattia è dunque molto più probabile (ma non certa) nei figli di genitori affetti da questa problematica.

Stress fisico ed emotivo 

La predisposizione genetica non costituisce la causa unica da cui scaturisce la psoriasi. Un ruolo decisivo è giocato dallo stress fisico e psichico a cui l’organismo è sottoposto. Il verificarsi di un evento particolarmente stressante (come un lutto, un trauma, un periodo di forte tensione) può contribuire a scatenare l’insorgere del problema in quelle persone già geneticamente predisposte. È per questo che in alcuni casi si utilizza l’espressione psoriasi da stress.

Farmaci 

Alcuni farmaci possono essere tra le cause di una acutizzazione dei sintomi. Tra questi, di sicuro ci sono i betabloccanti (farmaci che sono utilizzati nella terapia di alcune patologie cardiovascolari, tra cui ipertensione arteriosa, insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale).

Altri fattori 

Ci sono ulteriori fattori che contribuiscono a scatenare o aggravare la psoriasi:

  • traumi e ferite;
  • infezioni;
  • stile di vita;
  • sovraesposizione solare.

Il Fenomeno di Koebner (detto anche isomorfismo attivo) consiste nella comparsa di lesioni, tipiche di quelle psoriasiche, in occasione di traumi anche di lieve entità. Non è un caso, infatti, che spesso queste lesioni compaiano nella zona dei gomiti. Ad incidere infatti è anche la frequenza a cui la zona del derma è esposta a traumi. E i gomiti, per l’appunto, rappresentano una delle parti del nostro corpo maggiormente a rischio urti.

Per la stessa ragione, riconducibile al Fenomeno di Koebner, tra le possibili cause ci sono da annotare anche ferite accidentali o chirurgiche.

Anche le infezioni virali, in special modo da streptococco, possono rappresentare un problema, soprattutto in caso di psoriasi guttata. Anche il virus HIV, seppure non causa diretta, accresce la possibilità di insorgenza del problema negli individui già predisposti.

Fumo e alcol fanno male al nostro organismo, per più e più ragioni. La loro azione dannosa si può riflettere anche sugli individui affetta da psoriasi. In special modo l’alcol, in quando vasodilatatore, costituisce una seria minaccia che può portare ad un acuirsi dei sintomi.

L’esposizione al sole, infine, contribuisce ad attenuare la psoriasi, rappresentando una delle terapie non mediche più efficaci. Grazie all’azione della vitamina D, infatti, i sintomi tendono ad una significativa riduzione durante il periodo estivo. Tuttavia, una sovraesposizione ai raggi UV può irritare la pelle che sarà poi più esposta agli stress termici invernali.

Psoriasi: sintomi 

Pur con delle differenziazioni in base al diverso tipo di psoriasi, la malattia presenta dei sintomi ben chiari ed evidenti:

  • placche;
  • desquamazione della pelle;
  • prurito e bruciore;
  • secchezza della cute.

I sintomi della psoriasi, oltre ad incidere dal punto di vista puramente fisico, vanno a penalizzare anche la qualità della vita in chi soffre di forme particolarmente acute. Questa problematica si insinua anche nella sfera emotiva dell’individuo, causando sensazione di disagio in chi ne è affetto.

Proprio per la capacità di diminuire anche in maniera significativa la qualità della vita nelle persone affette da psoriasi, questo problema è stato classificato come malattia sociale dal Ministero della Salute.

Le differenti forme di psoriasi 

psoriasi

La psoriasi, come più volte ripetuto, può presentarsi in diverse forme. A seconda della tipologia, a differenziarsi è non solo l’aspetto estetico ma anche la gravità e l’incidenza del problema. Le diverse forme sono:

  • psoriasi a placche (o psoriasi volgare);
  • psoriasi guttata (o psoriasi eruttiva);
  • psoriasi pustolosa;
  • psoriasi eritrodermica;
  • psoriasi artropatica;
  • psoriasi inversa;

Psoriasi a placche (o psoriasi volgare) 

È quella più diffusa, che interessa circa l’80% del totale dei casi. I tratti tipici sono:

  • chiazze arrossate e spesse, di diametro diverso;
  • squame biancastre che ricoprono le chiazze;
  • prurito;
  • emorragie dovute al grattamento.

Le parti del corpo maggiormente interessate dalla psoriasi a placche sono: ginocchia, gomiti, cuoio capelluto e zona lombo-sacrale. Tuttavia, le placche possono estendersi fino a confluire tra loro e interessare ampie zone del corpo.

Psoriasi guttata (o psoriasi eruttiva) 

Si presenta con delle piccole chiazze di colore rosso non molto intenso, che hanno una forma che ricorda la goccia (da qui il nome, che deriva dalla parola latina gutta ovvero goccia). La parte del corpo maggiormente interessata è il tronco, con le papule che possono però interessare anche altre zone.

Questo tipo di psoriasi è strettamente legata alle infezioni da streptococco. La psoriasi guttata, infatti, è spesso successiva ad un evento di faringotonsillite streptococcica. In virtù di ciò, un trattamento a base antibiotica o una tonsillectomia portano in molti casi ad una regressione dei sintomi.

Psoriasi pustolosa 

Questa forma si caratterizza per le pustole ripiene di pus e, nei casi più severi, eritemi e fissurazioni. Questo tipo di psoriasi si differenzia in: localizzata e generalizzata. Nella forma localizzata, le pustole si concentrano prevalentemente su palmo della mano e pianta dei piedi. Quella generalizzata costituisce invece una forma molto grave, tuttavia con un’incidenza più ridotta.

Psoriasi eritrodermica 

Una forma grave di psoriasi è quella eritrodermica, che arriva ad interessare oltre 3/4 del corpo. Circa l’80% della cute è interessata da rossore, secchezza e desquamazione. Ciò porta a sintomi forti di prurito e dolore. Per la sua gravità questo tipo di psoriasi può condurre anche ad un’ospedalizzazione di chi ne soffre, per prevenire stati di disidratazione o comparsa di infezioni.

Psoriasi artropatica 

Anche quella artropatica costituisce una forma molto grave di psoriasi. Questa è, per certi versi, assimilabile all’artrite. Questa arriva infatti ad interessare le articolazioni e, in alcuni casi, lo scheletro. Secondo alcuni studi, è stato evidenziato che tra il 15% e il 30% di persone affette da psoriasi arrivano a sviluppare questo tipo di problematica.

Tra i sintomi:

  • stanchezza diffusa (astenia);
  • dolore lombare che si accentua durante la notte;
  • dolori nei tendini (in special modo al tallone e pianta del piede);
  • dolore e gonfiore delle dita di mani e piedi (“dita a salsicciotto”);
  • problemi ungueali (ad esempio, il distacco dell’unghia del letto ungueale).

Psoriasi inversa 

Si manifesta con delle lesioni rosse e lisce. Le zone del corpo prevalentemente interessate da questo tipo di psoriasi sono le pieghe della pelle. Nello specifico:

  • inguine;
  • piega sottomammaria;
  • solco intergluteo;
  • genitali.

Maggiormente interessati da questo tipo di psoriasi sono gli anziani, i diabetici e gli individui obesi.

Come effettuare la diagnosi 

La psoriasi è una patologia che presenta segni evidenti e specifici. Per tale motivo, la diagnosi avviene solitamente attraverso un semplice esame fisico delle lesioni psoriasiche da parte del dermatologo. Uno degli esami di cui si serve lo specialista è il segno di Auspitz, ovvero delle piccole emorragie che fanno seguito ad un leggero sfregamento della pelle interessata.

Psoriasi: cure 

Come curare la psoriasi? La tipologia incide in maniera determinante sul percorso di cura da intraprendere. C’è purtroppo da dire, però, che la psoriasi rappresenta un problema che tende quasi sempre a cronicizzarsi e ad accompagnare l’individuo per tutta la vita.

Per tale motivo, dopo aver individuato il tipo di cura adatto grazie all’aiuto di un dermatologo, è importante avere grande costanza nel portare avanti il percorso. Anche nei casi di regressione, con una diminuzione dei sintomi, è fondamentale effettuare controlli periodici per tenere sotto controllo la malattia.

Detto ciò, esistono diverse cure da poter mettere in atto:

  • trattamenti topici;
  • trattamenti sistemici tradizionali;
  • trattamenti sistemici biologici;
  • esposizione ai raggi UVA e UVB.

Trattamento topico 

crema psoriasi

Le forme meno gravi e invadenti possono essere trattate con farmaci topici (pomate, creme, spray, unguenti, gel), applicati localmente sulle zone di cute interessate. Molto spesso questi prodotti sono a base di cortisone, efficace nel trattamento del problema. Questi però, seppure efficaci, richiedono un utilizzo per tempi non prolungati. Inoltre, anche la sospensione deve avvenire in maniera graduale in modo da evitare un riacutizzarsi dei sintomi o l’insorgere di una forma eritrodermica di psoriasi.

Molto utilizzati dai dermatologi sono i prodotti a base di vitamina D e analoghi (come il calcitriolo). Questi svolgono una funzione antinfiammatoria, agendo sulla proliferazione dei cheratinociti.

Ai farmaci è possibile abbinare una serie di prodotti, in grado di idratare la pelle e lenire prurito e bruciore causato dalle lesioni. È suggerito quindi far ricorso a fattori idratanti che simulino il fattore di idratazione naturale della pelle (la glicerina, le ceramidi, l’urea, lo squalene) e attivi che leniscano la sensazione di prurito (come il polidocanolo).

Trattamento sistemico tradizionale 

Nelle forme più gravi, quando la terapia topica non è sufficiente, si fa ricorso ad un trattamento farmacologico sistemico. In questo caso, i farmaci sono assunti per via orale (sottoforma di compresse) o per iniezione e vanno ad agire dall’interno dell’organismo.

Trattamento sistemico biologico 

I trattamenti sistemici biologici rappresentano una novità nella cura della psoriasi. Questi rappresentano un’alternativa al trattamento sistemico tradizionale, nei casi in cui quest’ultimo non risulti efficace o sia non indicato per il paziente.

I farmaci biologici vanno ad agire su settori specifici del sistema immunitario, attuando un meccanismo immunosoppressore che riduce lo stato di infiammazione dovuto alla malattia. Tuttavia, proprio quest’azione, porta all’effetto indesiderato principale che è rappresentato da una minore resistenza dell’organismo alle infezioni.

Esposizione solare 

Come già detto in precedenza, l’esposizione ai raggi UV rappresenta una forma di cura naturale per la psoriasi. Ovviamente, questa deve seguire delle regole ben precise per essere funzionale:

  • esporsi al sole in maniera graduale, evitando scottature che non farebbero altro che peggiorare la situazione;
  • effettuare cicli di esposizioni di almeno 15-20 giorni (solo poche ore non sono sufficienti);
  • evitare l’esposizione durante le ore più calde della giornata;
  • proteggere la cute sana con filtri solari adatti al proprio fototipo.

 

I prodotti consigliati



La Roche-Posay Iso-Urea - MD Baume Psoriasis Balsamo, 100ml


Ducray Kertyol P.S.O. - Gel Detergente Surgras Pelle Psoriasica, 400ml


Eucerin UreaRepair Plus - Emulsione Intensiva 10% Urea per Pelle Secca, 250ml


Glycosan Plus Bioderm Siero Coadiuvante Trattamento Dermatiti e Psoriasi, 50ml


Dermovitamina Calmilene - Psoriacare Crema Azione Intensiva, 50ml